• Lun - Sab: 9.00/13.00 - 16.00/19.30
  • 091 204414
  • info@centrocamini.it

incentivi fiscali

incentivi-detrazioni-risparmio-energetico

APPROFITTA DELLA DETRAZIONE DEL 65%: hai tempo fino al 31 dicembre 2015! 

La legge di stabilità 2015 ha introdotto la possibilità di usufruire della detrazione del 65% anche nel caso di spese sostenute per l’acquisto e la posa in opera di impianti di climatizzazione invernale con generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, sostenute dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre 2015, fino a un valore massimo della detrazione di 30.000 euro.

ENEA ha recentemente confermato attraverso un vademecum specifico le regola di applicazione per usufruire della detrazione stessa.

Rispetto alla precedente indicazione, l’immobile oggetto dell’intervento dovrà avere solo i seguenti requisiti:

  • Corretto accatastamento
  • Essere in regola con ogni contributo e/o tassa relativa
  • Nel caso di sostituzione: presenza già nell’immobile di un impianto di riscaldamento

L’intervento può configurarsi come sostituzione del vecchio generatore termico o come nuova installazione sugli edifici esistenti. Sono poi agevolabili anche le opere correlate all’intervento come lo smontaggio e la dismissione del vecchio generatore, le opere idrauliche (compreso gli accessori per il generatore) e le opere murarie, a condizione che eseguiti secondo le normative vigenti.

Troverete di seguito le principali indicazioni che si devono tenere presente per l’ottenimento di questo beneficio fiscale:

Requisiti del nuovo generatore:
– Omologazione secondo una delle seguenti norme:

  • Caldaie a biomassa UNI EN 303-5
  • Stufe a pellet UNI EN 14785
  • Stufe a legna UNI EN 13240
  • Termocucine UNI EN 12815
  • Inserti a legna UNI EN 13229

– Rendimento utile nominale minimo superiore all’85%, nel caso delle caldaie a biomassa è richiesta l’appartenenza alla classe 5 della norma UNI EN 303-5 2012.
(…)

E’ importante evidenziare che tutti gli apparecchi che non rientrano nei casi sopra indicati possono comunque continuare a beneficare della detrazione del 50%, fermo restando comunque il rispetto dei requisiti previsti per l’apparecchio (rendimento 70%) e l’applicazione delle corrette modalità per tale detrazione.

Resta comunque valida ed applicabile anche la detrazione del 65% relativa al “comma 344” (caldaie e collettori solari / miglioramento indice energetico edificio).

IVA AGEVOLATA SU CAMINETTI E STUFE!
Con legge 23/12/1999 n. 488 all’art. 7 comma 1 lett. B) è stata introdotta l’aliquota agevolata del 10% sulle prestazioni per interventi di recupero del patrimonio edilizio di cui al’art. 31 1° comma lett a), b) (manutenzione ordinaria e straordinaria), salvo per alcuni beni significativi individuati dal D.M. 29/12/1999 (fra cui le caldaie). Tale previsione è diventata a tempo illimitato con Legge 23/12/2009 n. 191 art. 2 comma 11. Risulta pertanto che sulle cessioni con posa in opera di caminetti e/o stufe si applica l’aliquota iva del 10% sul valore della prestazione, degli accessori e sul valore del bene pari al valore della prestazione e degli accessori stessi.